ke.gardens-tricks.com
Interesting

Ippazio Nutricati - Artist - Works

Ippazio Nutricati - Artist - Works


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


To offer you the best possible service, this site uses cookies. To find out more, read our information.
By continuing to browse, clicking on ok or scrolling the page, you consent to the use of all cookies.

OkInformation on cookies


University of Salento

YEARS 0 800
Alessandro Calabrese (Lecce 1804 - 1873)
Francesco Calabrese (Lecce 1802 - 1877)
Antonio Maccagnani (Lecce 1807 - Rome 1892)

1810s
Pietro Cavoti (Galatina 1819 - 1890)
Giuseppe Di Giuseppe (Martina Franca 1817 - 1908)

1920s 1800s
Francesco Cosma (Lecce 1829 - 1905)
Achille De Lucrezi (Lecce 1827 - 1913)

1930s OF THE 1800s
Francesco Bruno (Taranto 1839 - Naples 1923)
Clementina Carrelli (Lecce 1835 - Naples 1916)
Cesare Gallucci (Lecce 1839 - 1980)
Stanislao Sidoti (Lecce 1837 - 1922)
Gioacchino Toma (Galatina 1836 - Naples 1891)

40s OF 800
Tommaso Bianco (Fasano1848 - Paris 1924)
Antonio Ippazio Bortone (Ruffano 1844 - Lecce 1938)
Pietro De Simone (Lecce 1845 1920)
Raffaele Maccagnani (Lecce 1841 - 1925)
Giuseppe Manzo (Lecce 1849 - 1942)
Luigi Scorrano (Lecce 1849 - Urbino 1924)
Paolo Emilio Stasi (Spongano 1840 - 1922)
Vincenzo Valente (Specchia 1846 - Naples 1889)
Luigi Pappadà (Ostuni 1849 - 1992)

50s OF THE 800s
Salvatore Bacile (Spongano 1859 - Castiglione 1949)
Francesco De Matteis (Lecce 1852 - Naples 1917)
Enrico Giannelli (Alezio 1854 - Parabita 1945)
Eugenio Maccagnani (Lecce 1852 - Rome 1930)

1960s 1800s
Beniamino Bianco (Fasano 1863 - 1938)
Olimpia Camerario (Naples 1864 - Manduria 1947)
Giuseppe Casciaro (Ortelle 1863 - Naples 1941)
Giovanni Andrea De Pascalis (Lecce 1862 - 1895)
Agesilao Flora (Latiano 1863 - Lecce 1952)
Giuseppe Salvatore Forcignanò (Gallipoli 1862 - Paris 1919)
Oronzo Gargiulo (Lecce 1869 - Aversa 1917)
Giuseppe Mangionello (Maglie 1861 - Rome 1939)
Giovanni Marasco (Manduria 1862 - 1927)
Giuseppe Rolli (Lecce 1861 - 1942)
Vincenzo Russo (Lecce 1868 - New York 1907)
Fernando Schiavone (Fasano 1862 - 1937)

1970s-1800s
Michele Camerario (Naples 1870 - Manduria 1945)
Raffaele Caretta (Lecce 1871 - 1950)
Oronzo Cosentino (Lecce 1870 - Rome 1922)
Luigi Grande (San Pietro in Lama 1871 - San Cesario di Lecce 1928)
Luigi Guacci (Lecce 1871 - 1934)
Gennaro Lupo (Grottaglie 1877 - 1946)
Domenico Maggiore (Ginosa 1872 - Naples 1961)
Michele Palumbo (Calimera 1874 - Lecce 1949)
Luigi Portaluri (Sweaters 1878 - 1962)
Salvatore Sacquegna (Lecce 1877 - 1955)
Giovanni Serio (Nardò 1872 - 1931)
Giovanni Stano (Manduria 1871 - Lecce 1945)

THE 1980s OF THE 1800s
Pietro Baffa (Galatina 1885 - 1962)
Vincenzo Ciardo (Gagliano del Capo 1894 - 1970)
Giovanni Colella (Lecce 1885 - 1964)
Francesco Como (Taranto 1888 - Rome 1973)
Ciro Francesco D'Amicis (Grottaglie 1889 - 1965)
Ciro Fanigliulo (Grottaglie 1881 - 1969)
Gennaro Fantastico (Salice Salentino 1881 - 1958)
Rita Franco (Gallipoli 1888 - Naples 1986)
Cesare Augusto Lucretius (Lecce 1880 - 1965)
Giacomo Maselli (Cutrofiano 1883 - Milan 1958)
Giulio Pagliano (Gallipoli 1882 - 1932)
Francesco Romano (Gioia del Colle 1880 - Taranto 1924)
Salvatore Saponaro (San Cesario di Lecce 1888 - Varese 1970)
Egidio Tonti (Presicce 1887 - 1922)

1990s OF THE 1800s
Emanuele Buscicchio (Ceglie Messapica 1896 - Lecce 1970)
Gabriele Caiulo (Lecce 1899 - 1981)
Michele Gaballo (Nardò 1896 - 1951)
Raffaele Giurgola (Lecce 1898 - 1970)
Gaetano Martinez (Galatina 1892 - Rome 1951)
Emilio Notte (Ceglie Messapica 1891 - Naples 1982)
Geremia Re (Leverano 1894 - Lecce 1950)
Antonio Serrano (Lecce 1891 - 1922)
Theodore Russo (Brindisi 1896 - Trieste 1975)
Edgardo Simone (Brindisi 1890 - Hollywood 1948)
Eclita Pappadà (Ostuni 1894 - 1992)
Gustavo Ruggiero Urro (Alessano 1894 - Lecce 1958)

00S OF THE 1900s
Francesco Barbieri (San Cesario di Lecce 1908 - Rome 1973)
Angelo Capoccia (Lecce 1909 - 2000)
Antonio D'Andrea (Lecce 1908 - 1955)
Temistocle De Vitis (Carpignano 1904 - New York 1973)
Giuseppe Ferraro (Castrignano del Capo 1909 - Genoa 1966)
Angelo Fiodegiglio (Rome 1904 - Brindisi 1969)
Antonio Francavilla (San Vito 1900 - 1981)
Luigi Gabrieli (Matino 1904 - 1992)
Gaetano Giorgino (Lecce 1904 - 1977)
Guido Gremigni (Volterra 1908 - Acqui 1966)
Nadina Laviano Colizzi (Gallipoli 1901 - 1994)
Ezechiele Leandro (Lequile 1905 - San Cesario di Lecce 1981)
Carlo Lubelli (Lecce 1902 - 1979)
Cesare Marino (Mesagne 1901 - Bari 1988)
Ennio Marzano (Lecce 1904 - Bari 1984)
Antonio Mazzeo (Lizzanello 1907 - Lecce 1975)
Michele Massari (Lecce 1902-1954)
Antonio Mazzotta (Lecce 1900 - Rome 1993)
Arcangela Elisa Miccoli (Corato 1904 - New York 1981)
Mario Miglietta (Lecce 1909 - Naples 1973)
Antonio Montefusco (Sweaters 1902 - 1990)
Pina Nuccio (Castro 1902 - Castel Gandolfo 1996)
Mario Palumbo (Lecce 1905 - 1979)
Luigi Pellegrino (Lecce 1905 - Rome 1970)
Antonio Pinto (Brindisi 1909 - 1981)
Giovanni Pinto (Lecce 1909 - Novoli 2004)
Luigi Protopapa (Martano 1903 - Taranto 1969)
Pasquale Selleri (Lecce 1904 - 1998)
Laura Speziale (Castellaneta 1908 - Bari 1992)
Pippi Starace (Lecce 1904 - Rome 1977)
Carlo Toscano (Campi Salentina 1909 - 1987)

10s OF THE 1900s
Annibale Arces (Grottaglie 1912 - 1994)
Giovanni Avasto (Mesagne 1910 - 1996)
Francesco Bagnulo (Ostuni 1911 - 1991)
Vittorio Balsebre (Candelo 1916 - Copertino 2013)
Carlo Barbieri (San Cesario di Lecce 1910 - Rome 1938)
Beniamino Barletti (Lecce 1912 - 1996)
Salvatore Basile (Martina Franca 1917 - 1967)
Aldo Calò (San Cesario di Lecce 1910 - Rome 1983)
Cosimo Carlucci (San Michele Salentino 1919 - Rome 1987)
Stefano Cavallo (San Michele Salentino 1913 - Milan 1997)
Nullo D'Amato (San Cesario di Lecce 1913 - Lecce 1982)
Benedetto D'Amicis (Grottaglie 1918 - Taranto 2004)
Emanuele De Giorgio (Grottaglie 1916 - Taranto 1983)
Nino Della Notte (Nardò 1910 - Lecce 1979)
Mino Delle Site (Lecce 1914 - Rome 1996)
Antonio Duma (Galatina 1916 - 1986)
Laura Franco Zuccaro (Gallipoli 1917 - 1993)
Giuseppe Giurgola (Lecce 1917 - 2005)
Pietro Indino (Lecce 1912 - 1992)
Oronzo Manigrasso (Grottaglie 1911 - Rome 2001)
Roberto Manni (San Pancrazio Salentino 1912 - 2003)
Aldo Miglietta (Lecce 1911 - 2000)
Rinaldo Nuzzolese (Taranto 1918 - Turin 1988)
Umberto Palamà (Sogliano Cavour 1912 - Nardò 1995)
Angelo Peluso (Grottaglie 1918 - 1975)
Giuseppe Piscopo (Galatina 1915 - Parabita 2015)
Antonio Quarta (S. Pietro in Lama 1911 - 1998)
Giuseppe Rossetti (Taranto 1915 - 1997)
Ottorino Santaguida (Martano 1913 - 2013)
Armando Scivales (Brindisi 1917 - 1994)
Spanish Archangel (Grottaglie 1913 - San Marzano 1968)
Enzo Sozzo (Lecce 1917 - 1993)
Cosimo Sponziello (Tuglie 1915 - San Simone 2005)
Lino Paolo Suppressa (Lecce 1915 - 1970)
Fernando Troso (Lecce 1910 - Rome 1990)

20s of the 1900s
Orazio Antonaci (Soleto 1924 - Lecce 2005)
Tina Bianco Foscarini (Campi Salentina 1928)
Amerigo Buscicchio (Lecce 1921 - 2001)
Augusto Camassa (Vittorio Veneto 1929)
Antonio Carrieri (Cisternino 1929)
Antonio Carriero (Grottaglie 1927)
Cosimo Carrozzo (Galatina 1923)
Fausto Maria Casotti (Cauri) (Taranto 1924)
Nicola Cuna (Lecce 1921)
Mario D'Amicis (Grottaglie 1920 - Taranto 1968)
Giovanni De Blasi (San Donato 1929)
Totò De Blasi (Galatone 1924)
Romano De Filippo (Lecce 1929)
Nino De Gennaro (Brindisi 1921 - 2006)
Raffaele De Matteis (Novoli 1923)
Antonio De Muro (Taranto 1924)
Nino De Tommasi (Lecce 1926)
Ciro De Vincentis (Grottaglie 1923 - 1991)
Franco Dubla (Grottaglie 1925 - Taranto 2008)
Mcail Galicia (Fasano 1923 - 1993)
Alfredo Giusto (Taranto 1924 - Grottaglie 2006)
Sandro Greco (San Pietro Vernotico 1928)
Pietro Guida (Santa Maria Capua Vetere 1921)
Antonietta Lande (Tuglie 1920)
Giovanni Leone (Brindisi 1927 - 2004)
Luigi Lezzi (Arnesano 1927 - 2006)
Andrea Lia (Presicce 1925)
Fernando Lomascolo (San Pietro Vernotico 1927)
Corrado Lorenzo (Arnesano 1926)
Major Guild (Brindisi 1922 - 2011)
Ugo Malecore (Lecce 1920 - 2013)
Lionello Mandorino (Collepasso 1927)
Piero Mangia (Galatina 1925)
Leonzio Mangione (Soleto 1922 - 2002)
Anna Maria Massari (Lecce 1929 - 1993)
Gino Mele (Novoli 1929)
Enzo Miglietta (Novoli 1928)
Cosimo Monticchio (Campi Salentina 1928)
Vito Mortella (Brindisi 1929 - 2011)
Raffaele Palmisano (Taranto 1923)
Raffaella Pantaleo (San Vito dei Normanni 1921)
Miriam Pierri (Taranto 1927)
Enzo Pozzo (Ruffano 1922)
Spartaco Refolo (Lecce 1921)
Aldo Riso (Santa Maria di Leuca 1928 - Rome 2008)
Francesco Rocco (Lecce 1924)
Arnald Sass (Taranto 1924)
Pietro Spedicato (Mesagne 1925 - Lecce 2013)
Eduardo Sessa (Taranto 1921)
Mimmo Tamborrini (Matino 1928)
Radames Toma (Casarano 1924 - Naples 2002)

30s OF THE 900
Luigi Ammassari (Lecce 1930 - 1996)
Nicola Andreace (Taranto 1934 - Massafra 2014)
Giovanni Alfonsetti (Mesagne 1939)
Gino Baglivo (Presicce 1932)
Nino Baldassarre (Cavallino 1936)
Vincenzo Balsamo (Brindisi 1935)
Pierre Boà (Gallipoli 1937)
Franco Boniello (Ferrandina 1930)
Gianni Bruni (Taranto 1935)
Vincenzo Buscicchio (Lecce 1938 - 2012)
Alberto Buttazzo (Lecce 1938)
Giovanna Buttazzo (Lecce 1939)
Antonia Cairo (Lecce 1934)
Alfredo Calabrese (Genoa 1930)
Nino Cappello (San Cassiano 1932 - Rome 1998)
Tonino Caputo (Lecce 1933)
Nicola Carrino (Taranto 1932)
Oronzo Castelluccio (Lecce 1931 - 2007)
Luigi Castrignanò (Calimera 1935)
Giuliana Cataldi (Taranto 1932)
Sebastiano Cataldo (Parabita 1930)
Paola Chiatante (Lecce 1939)
Lorenzo Ciccarese (Cavallino 1937)
Vincenzo Congedo (Galatina 1939)
Giovanni Korallo (Coral) (Lecce 1938)
Rocco Coronese (Parabita 1931 - Frosinone 2002)
Giuseppe Cucurachi (San Pietro in Lama 1932)
Franco Cudazzo (Galatina 1938)
Aldo Dall’Acqua (Taranto 1934)
Marcello D'Andrea (Galatina 1934)
Edoardo De Candia (Lecce 1933 - 1992)
Vincenzo De Filippis (Grottaglie 1935)
Salvatore Del Coco (Trepuzzi 1933 - Ostuni 1998)
Cosimo Della Ducata (Lecce 1934)
Pino De Luca (Monteroni 1939)
Pietro De Paolis (Galatina 1932)
Antonio de Totero (Brindisi 1936)
Anna Maria D’Ettole (Grottaglie 1938)
Luigi Di Francesco (Lecce 1933)
Luciano Di Maglio (San Cesario 1939)
Vittorio Dimastrogiovanni (Lecce 1936)
Francesco Saverio Dodaro (Bari 1930)
Salvatore Esposito (Gallipoli 1937)
Pino Faggiano (Lecce 1938)
Francesco Fiorentino (Lecce 1934)
Antonio Fortuna (Taranto 1939)
Leonardo Fusco (Maruggio 1935)
Antonio Gigante (Lecce 1935)
Franco Gelli (Parabita 1930 - 1997)
Marcello Gennari (Manduria 1933)
Antonio Greco (Lecce 1932)
Elisabetta Guerrieri (Novoli 1930)
Rita Guido (Gallipoli 1939)
Fredy Lapenna (Lecce 1939 - Bari 1989)
Franco Legrottaglie (Fraleg) (San Vito dei Normanni 1939)
Antonio Luceri (Martano 1939)
Vittorio Manno (Squinzano 1939)
Carlo Marangio (Lecce 1936)
Armando Marrocco (Galatina 1939)
Giuseppe Marzano (San Pietro Vernotico 1936)
Antonio Massari (Lecce 1932)
Arnaldo Miccoli (Cavallino 1938)
Graziano Miglietta (San Pancrazio Salentino 1938 - Bari 1990)
Luigi Mura (Lecce 1933 - 2004)
Francesco Bruno Orlandi (Trepuzzi 1934)
Vittorio Paradisi (Lecce 1934)
Carmelo Piccinno (Parabita 1933)
Egidio Pierri (Taranto 1937)
Mario Pierri (Taranto 1936)
Ercole Pignatelli (Lecce 1935)
Giovanni Rollo (Cavallino 1939)
Oscar Rossi (Lecce 1936)
Vitantonio Russo (Taranto 1932)
Auro Salvaneschi (Pinarolo Po 1936)
Romano Sambati (Lequile 1938)
Elio Santarella (Taranto 1938)
Aldo Scialpi (Brindisi 1934)
Alberto Scotti (Taranto 1930 - Rome 2001)
Walter Scotti (Taranto 1934)
Salvatore Sebaste (Novoli 1939)
Nello Sisinni (Bagnolo del Salento 1939)
Vittorio Sodo (Lecce 1938)
Raffaele Spada (Novoli 1939)
Spanish Franc (Nardò 1935)
Giuseppe Spagnulo (Grottaglie 1936)
Giuseppe Spedicato (San Pietro in Lama 1936)
Salvatore Spedicato (Arnesano 1939)
Cosimo Stigliano (Lecce 1934)
Ugo Tapparini (Lecce 1933)
Cosimo Damiano Tondo (San Cesario di Lecce 1938)
Natalino Tondo (Salice Salentino 1938)
Oronzo Tripoli (Lecce 1931)
Giovanni Valentini (Galatina 1939)
Giovanni Valletta (San Cesario di Lecce 1936)
Michele Venturi (Villa Castelli 1932)
Recommend Vergori (Guagnano 1934)
Mario Vetrugno (Marlus) (Campi Salentina 1934)

40s OF 900
Angelo Raffaele Antelmi (Brindisi 1944)
Mimmo Antonaci (Anteri) (Grottaglie 1945)
Marisa Argentiere De Blasi (Mesagne 1946)
Ferruccio Ascari (Campi Salentina 1949)
Angelo Attuoni (Taranto 1943)
Uccio Biondi (Ceglie Messapica 1946)
Antonio Bongiorno (San Pietro in Lama 1941)
Aldo Bruno (Lecce 1943)
Roberto Buttazzo (Lequile 1945)
Luigi Caiuli (Lecce 1940)
Mario Calcagnile (Arnesano 1949)
Fernando Campanile (Castrignano del Capo 1941)
Mimmo Caramia (Grottaglie 1947)
Gingi Capoccia (Lecce 1943)
Oronzo Caricato (Taranto 1947)
Giorgio Carluccio (Tuturano 1948)
Franco Caroli (Francavilla Fontana 1943)
Giuseppe Caroli (Ceglie Messapica 1945)
Salvatore Carrozzo (Alezio 1941)
Renato Centonze (Cavallino 1947)
Nicola Cesari (Jerseys 1940 - 2010)
Rosamaria Ciardo (Lecce 1946)
Franco Clary (Taranto 1942)
Pietro Codazzo (Galatina 1945)
Mario Colonna (Bari 1946)
Angelo De Comite (Taranto 1948)
Gino Congedo (Galatina 1942)
Carmelo Conte (Latiano 1946)
Tonio De Dominicis (Cavallino 1940 - 1996)
Fernando De Filippi (Lecce 1940)
Bepi De Finis (Veglie 1948)
Antonio De Franchis (Taranto 1941)
Giuseppe D’Elia (San Pietro Vernotico 1946)
Giovanni Dell’Anna (Monteroni 1940)
Giuseppe Delle Leaves (Alberobello 1941)
Vittorio Del Piano (Grottaglie 1941 - Taranto 2014)
Luigi De Mitri (Squinzano 1943)
Stefania De Paolis (Corigliano d’Otranto 1946)
Anna Maria De Robertis (Putiugnano 1946)
Cesare De Salve (Tuglie 1948)
Donato Diso (Galatina 1944)
Salvatore Fanciano (Lecce 1940)
Geppino Faraone (Galatina 1949)
Oronzo Fari (Lecce 1948)
Enzo Fasano (Parabita 1944)
Franco Filograna (Casarano 1940)
Rosamaria Francavilla (Pozzuoli 1941 - 2013)
Luigi Fulvi (Galatina 1949)
Caterina Gerardi (Arnesano 1940)
Martino Giannini (Mottola 1941)
Franco Gigante (Lecce 1945)
Cosimo Giuliano (Latiano 1947)
Bianca Lecce (Taranto 1946)
Bruno Leo (Lecce 1941)
Gustavo Leo (Lecce 1945)
Pietro Liaci (San Cesario di Lecce 1943)
Nando Lianò (Fernando Corlianò) (San Giorgio a Cremano 1941)
Grace Lodeserto (Taranto 1944)
Myla Lymburg (Lecce 1944)
Bruno Maggio (San Cesario di Lecce 1943)
Donato Marangi (Fabian) (Brindisi 1947)
Giuseppe Marinosci (Francavilla Fontana 1945)
Lorenzo Marra (Galatina 1943)
Cesare Martina (Arnesano 1940)
Antonio Mazzotta (Lecce 1946 - 2013)
Mario Mele (Lecce 1947)
Vito Mele (Presicce 1942)
Donato Minonni (Taurisano 1945)
Salvatore Molle (Parabita 1949 - 1987)
Giancarlo Moscara (Lecce 1940)
Vincenzo Musardo (Musar) (Galatone 1943)
Vanni Nocente (Francavilla Fontana 1941)
Pietro Palmisano (Ostuni 1946)
Anna Panareo (Lecce 1947)
Francesco Pasca (Sanarica 1946)
Arnaldo Petracca (Monteroni 1941)
Beppe Piano (Otranto 1948)
Giovanni Pisconti (Manduria 1940 - 2009)
Cesare (Cesi) Piscopo (Parabita 1947)
Sante Polito (Dam Premy, Belgium, 1947)
Teresa Prastaro Poloni (Lecce 1940)
Donatello Pugliese (Nardò 1948)
Aldo Pupino (Taranto 1940)
Angelo Rizzelli (Andrano 1940)
Fiorella Rizzo (Lecce 1944)
Nino Rollo (Lequile 1942 - Paris 1992)
Marisa Romano (Lecce 1940)
Vito Russo (Hello 1948)
Gianfranco Salvia (Brindisi 1948 - 1994)
Roberto Scaramuzza (Lecce 1942)
Antonio Scupola (Taurisano 1943)
Sergio Sebaste (Novoli 1942)
Pino Settani (Grottaglie 1949)
Antonio Sodo (Lecce 1943)
Connie Solari (Ostuni 1947)
Enza Solazzo (Carmiano 1947)
Ernesto Gennaro Solferino (Latiano 1946)
Luigi Spanò (Santa Severina - 1949) Lecce
Paolo Sparro (Lecce 1940)
Pina Sparro (Poggiardo 1945)
Gigi Specchia (Sternatia 1946)
Dario Stamerra (Stamer) (Sannicola 1943)
Antonio Stanca (Castrignano dei Greci 1942)
Angelo Tarantino (San Cesario di Lecce 1941)
Rita Tondo (Salice Salentino 1947)
Valeriano Tondo (Veglie 1940)
Pasquale Urso (Grottaglie 1945)
Vanda Valente (Ceglie Messapica 1940)
Carlo Varola (Lecce 1946)
Franco Ventura (Sannicola 1942)
Dino Vitti (Lecce 1947)
Franco Zilli (Lecce 1945)

50s OF 900
Umberto Albanese (Casarano 1950)
Antonio Annicchiarico (Grottaglie 1953)
Paolo Arnesano (Arnesano 1953)
Franco Baldassarre (Soleto 1955)
Santo Blasi (San Pietro Vernotico 1952)
Antonio Bramato (Miggiano 1950)
Giampiero Calabrese (Taranto 1954)
Roberto Caradonna (Taranto 1953)
Salvatore Carbone (Cutrofiano 1951)
Carmelo Caroppo (1953 Jerseys)
Franco Casalini (Casarano 1956)
Antonio Chiarello (Ortelle 1955)
Franco Contini (Supersano 1954)
Franco De Giorgi (Presicce 1956)
Luigi De Giovanni (Mirror 1950)
Giulio De Mitri (Taranto1952)
Gino De Rinaldis (Lecce 1954)
Salavtore Dongiovanni (Poggiardo 1950)
Pier Luigi Epifani (Lecce 1958)
Marcella Fraraccio (Matino 1953)
Giovanni Gravante (Poggiardo 1950)
Roberto Guadalupi (Brindisi 1954)
Marcello Leone (Guagnano 1950)
Giuseppe Lisi (Nardò 1954)
Gianfranco Margiotta (San Cesario di Lecce 1953)
Valentino Marra (Martano 1956)
Cosimo Marullo (Lecce 1959)
Ada Mazzei (San Pietro in Lama 1956)
Vito Mazzotta (Lequile 1950)
Armida Mele (Antarm) (Lecce 1953)
Fernando Miglietta (Squinzano 1950)
Sergio Miglietta (Squinzano 1953)
Alberto Moscara (Surbo 1953)
Pino Nardelli (Brindisi 1953)
Ippazio Nutricati (Ugento 1950)
Liliana Ottaviani (Soleto 1951)
Piero Panesi (Alessano 1959 - 1990)
Francesca Pasca (Sanarica 1956)
Mario Pellegrino (Collepasso 1957)
Fernando Perrone (Guagnano 1954)
Antonio Pizzolante (Castrignano del Capo 1958)
Anna Prato (Lecce 1952)
Giampiero Quarta (Carmiano 1957)
Mario Ricchiuto (Acquarica del Capo 1950)
Carlo Rossi (Novoli 1953)
Enza Santoro (Latiano 1958)
Max Hamlet Sauvage (Gallipoli 1950)
Paola Scialpi (Lecce 1952)
Giovanni Scupola (Specchia 1953)
Marcello Seclì (Parabita 1951)
Luigi Sergi (Presicce 1952)
Giuseppe Siliberto (Villa Castelli 1952)
Francesco Spada (Novoli 1953)
Massimiliano Spedicato (Lecce 1959)
Carlo Sozzo (Lecce 1952)
Pio Tarantini (Torchiarolo 1950)
Antonio Toma (Casarano 1951)
Fulvio Tornese (Lecce 1956)
Teresa Vella (1959 Jerseys)
Rosanna Vitti (Lecce 1951)
Giuseppe Zilli (San Donato 1956)

1960s OF 900
Pino Caputi (Massafra 1968)
Antonio Caramia (Grottaglie 1969)
Giovanni Carpignano (Palagianello 1967)
Luciano Castellano (Zollino 1960)
Pierluca Cetera (Taranto 1969)
Teresa Ciulli (Bari 1960)
Giuseppe Corrado (Montesano Salentino 1960)
Angioletta De Nitto (Mesagne 1963)
Valentina D'Andrea (Lecce 1966)
Gloria De Vitis (Lecce 1966)
Giuseppe Diso (Galatina 1967)
Ornella Durini (Lecce 1964)
Luisa Elia (Lecce 1960)
Cosimo Epicoco (Ceglie Messapica 1967)
Angelo Filomeno (Ostuni 1963)
Rocco Antonio Galati (Gallipoli 1962)
Alberto Gennari (Lecce 1968)
Fernando Gigante (Cavallino 1961)
Marcello Malandugno (Nardò 1965)
Massimo Marangio (San Pietro Vernotico 1961)
Francesca Mele (Novoli 1964)
Antonio Miglietta (Trepuzzi 1960)
Nancy Motta (Brindisi 1965)
Antonio Musio (San Pietro Vernotico 1969)
Piero Paladini (Lecce 1965)
Fabio Pellicano (Rome 1965)
Fulvia Perrone (Lecce 1967)
Antonio Pezzuto (Squinzano 1961)
Luigi Quarta (Monteroni di Lecce 1960)
Massimo Quarta (Novoli 1967)
Raffaele Quida (Gallipoli 1968)
Antonio Raho (Cavallino 1962)
Silvia Ruggeri (Catania 1968)
Dino Sambiasi (Brindisi 1968)
Luigi Mauro Sances (Sannicola 1962)
Salvatore Sava (Surbo 1966)
Guglielmo Scozzi (Lecce 1965)
Fernando Spano (Veglie 1965)
Giovanni Strafella (Gix) (Copertino 1960)
Vittorio Tapparini (Lecce 1961)
Rocco Ungaro (Ostuni 1965)

1970s OF 900
Alessandra Abbruzzese (San Pietro Vernotico 1973)
Massimiliano Alioto (Brindisi 1972)
Francesco Arena (Mesagne 1978)
Carlo Emilio Bevilacqua (Jerseys 1979)
Federica Bruno Stamerra (Brindisi 1970)
Andrea Buttazzo (Lecce 1974)
Valerio Calsolaro (Lecce 1977)
Azzurra Cecchini (Brindisi 1978)
Paolo Cervino (Brindisi 1974)
David Cesaria (Mesagne 1976)
Valentina Chiffi (Gagliano del Capo 1979)
Giuseppe Ciracì (Brindisi 1975)
Sarah Ciracì (Grottaglie 1972)
Daniele D'Acquisto (Taranto 1978)
Cristiano De Gaetano (Taranto 1975 - 2013)
Angelica Dragone (Soleto 1970)
Fabrizio Fontana (San Pietro Vernotico 1971)
Semira Forte (Brindisi 1975)
Giuseppe Gabellone (Brindisi 1973)
Antonio Gigante (Palagianello 1972)
Dorina Girgenti (Surbo 1971)
Michele Guido (Aradeo 1976)
Gabriella Legna (Lecce 1977)
Deborah Ligorio (Brindisi 1972)
Valentina Malandugno (Galatina 1971)
Sandro Marasco (Tricase 1973)
Francesco Mazzotta (Copertino 1975)
Marcello Moscara (Galatina 1972)
Rocco Normanno (Taurisano 1974)
Cristiano Pallara (Lecce 1976)
Giusi Pallara (Lecce 1977)
Alessandro Passaro (Mesagne 1974)
Rossella Piccinno (Tricase 1978)
Luigi Antonio Presicce (Porto Cesareo 1976)
Silvia Fasano (Rome 1971)
Elia Sabato (1975 Jerseys)
Giulia Sanase (Manduria 1973)
Antonia Giuse Sanasi (Manduria 1977)
Alessandra Sardano (Brindisi 1979)
Andrea Sergio (Mr Wany) (Brindisi 1978)
Carlo Michele Schirinzi (Acquarica del Capo 1974)
Massimo Schito (San Pancrazio Salentino 1972)
Carlos Solito (Grottaglie 1977)
Francesca Speranza (Cisternino 1978)
Giuseppe Summa (Latiano 1977)
Monna Lisa Tina (Francavilla Fontana 1977)

1980s OF THE 1900s
Alessandra Chiffi (Taranto 1986)
Arianna D’Accico (Brindisi 1982)
Salvatore D’Agostino (Tricase 1982)
Valentina Dario (Mesagne1982)
Danilo De Mitri (Taranto 1982)
Antonio Fiorini (Brindisi 1980)
Federico Frisullo (Lecce 1984)
Davide Leopizzi (Galatina 1986)
Annalisa Macagnino (Tricase 1981)
Marco Mariano (Copertino 1985)
Alessandra Pepe (Brindisi 1980)
Alessia Rollo (Lecce 1982)
Antonella Zito (Bari 1988)


He was born in Lecce to Don Domenico Tiso and Teresa Manfredi. Between 1746 and 1749 he stayed in Naples, where he studied canon law and trained artistically in the school of Francesco Solimena.

The beginnings Edit

Returning to Lecce in 1752, he was ordained a priest and in his capacity as a mansion of the cathedral he engaged in the decoration of the Cathedral of Lecce (1757-1758), creating the paintings of the presbytery area:

  • Assunta
  • Noah's sacrifice after the flood,
  • Sacrifice of the prophet Elijah .
  • Transport of the Holy Ark (now in the church of Sant'Irene)

and the canvas for the third altar on the left:

  • Martyrdom of Saint Fortunato.

In the city of Salento, Tiso was able to know, even if only in a mediated form, the developments of Venetian painting: his canvases, in fact, in the use of colors and in the daring perspectives, show a certain influence of lagoon art (Tiepolo, in particular ).

The canvases in Casarano Edit

According to some scholars in Casarano there would be a large number of canvases by Tiso, painted immediately after those kept in the cathedral of Lecce [1]. These paintings, made in the 70s of the eighteenth century for the mother church [2], for the chapel of San Pietro and for the church of the Immaculate Conception, would have been those of the consecration for the Apulian artist, so much so as to then procure him commissions throughout the Salento.

In the parish church (Matrice) he painted:

  • The furnace of Babylon
  • The Virgin announced
  • The communion of St. John the Almsgiver
  • The alms of St. John the Almsgiver
  • Archangel Michael is The archangel Raphael.

In the church of the Immaculate Conception:

  • The Assumption
  • Birth of the Virgin
  • The purification of the Virgin
  • The Presentation of the Virgin in the Temple
  • The Annunciation '
  • The visitation.
  • San Vito
  • Saint Francis Xavier

In the chapel of San Pietro:

  • Saint Joseph with Child
  • St. John Baptist
  • Guardian angel is Archangel Michael
  • The Virgin and Child with Saints Peter and Paul

The paintings of Uggiano la Chiesa Edit

In particular, Tiso created a series of canvases in the presbytery area for the parish church of Santa Maria Maddalena in Uggiano:

  • San Filippo Neri is Saint Francis Xavier
  • San Vito martyr
  • St. Paul is Saint Peter.

and eight canvases with Stories of the Magdalene:

  • Dinner at Simone's house
  • The anointing of Jesus in Bethany
  • The resurrection of Lazarus
  • The angel announces the resurrection of Jesus to the women
  • "Noli me tangere"
  • Mary Magdalene in the Sainte-Baume cave
  • The landing of Mary Magdalene in Marseille
  • Glorification of Mary Magdalene.

Other works Edit

Other paintings attributed to him are:

  • Saint Anthony of Padua (Lecce, basilica of Santa Croce, one of his most famous works)
  • Glory of St. Vincent de Paul (Lecce, church of Santa Maria dell'Idria)
  • Virgin in Glory and Saints Benedict and Ignatius (Lecce, provincial art gallery)
  • Madonna and Child among the Saints (Lecce, church of Santa Maria della Grazia, above the altar in the left aisle) [3]
  • altar painting (Lizzanello, parish)
  • Saint Francis of Paola is Saint Cajetan of Thiene (Maglie, collegiate church)
  • four canvases (Gallipoli, oratory of the Immaculate Conception)
  • Preaching of Saint Oronzo is Martyrdom of Saint Oronzo (Campi Salentina, church of Sant'Oronzo)
  • Holy Mary assumed into heaven (Oria, cathedral)
  • Glory of Blessed Lorenzo da Brindisi (Brindisi, church of Santa Maria degli Angeli, in the first chapel on the left)
  • Saint Joseph with the Child (Rionero in Vulture, church of Sant'Antonio)
  • Madonna and two saints (Policoro, church of Santa Maria del Ponte)
  • Rest in Egypt (Montalbano Jonico, church of Santa Maria)
  • Jesus and the adulteress is Jesus and the Samaritan woman at the well (Acerenza, episcope)
  • Abraham's dream, Joseph's dream is Jacob's blessing (Bari, provincial art gallery)
  • Transport of the holy ark (Presicce, church of Sant'Andrea Apostolo) The subject is identical to that preserved in the apse of the church of Sant'Irene in Lecce.


Ippazio Nutricati - Artist - Works

You are in the site of architect Pino De Nuzzo - You are in the site of architect Pino De Nuzzo - Vous кtes dans l'emplacement de l'architecte Pino De Nuzzo - usted estб en el sitio del arquitecto Pino De Nuzzo - sie sind im aufstellungsort des architekten Pino De Nuzzo

from the Gazzetta del Mezzogiorno of 18/03/04

The Lytos research group attributes the Crucifixion in the Mother Church to the famous painter
Discovered a new canvas: Oronzo Tiso ago 18

The canvases by Oronzo Tiso present in Casarano would be 18 and not 17, as De Bernart, author of "Countries and figures of the lower Salento" would like. To make this discovery, together with the attribution to Coppola of a canvas located inside the Mother Church, was the research group Lytos.
The "new" canvas by Tiso, a cleric who trained artistically in Naples in the Solimena circle, is located in the sacristy of the Mother Church. Given the size (90x50), it is presumably a sketch. «I can say with absolute certainty - declares the architect Pino De Nuzzo di Casarano, author of the discovery - that the painting relating to the crucifixion in the sacristy is a work by Tiso». There are several elements to favor this attribution: from the plasticity of the bodies to the rendering of the faces, from the draperies to some details of the landscape recurring in the works of Tiso.
The canvases of the Lecce artist present in Casarano are of particular importance, since Tiso painted them immediately after those of the cathedral of Lecce. It was the Casaranese canvases, dating back to the 1770s, that sanctioned the success of Tiso, delivering it to the honors of glory. It was only after their realization, in fact, that the painter received commissions from all over Salento, from Grottaglie to Leuca.
The altarpiece of the souls in purgatory is also of undoubted interest, located at the third altar on the right. It is a work that Luciana Margari, a young Casaranese enrolled in the Academy of Fine Arts in Lecce, attributed to Coppola, with the endorsement of Professor Carmen Lorenzetti, professor of History of Artistic Techniques. «I became interested in this work - says Luciana - because of a research and I immediately realized that there was something familiar in it. In fact I was not wrong: the souls depicted are surprisingly similar to those of another painting by Coppola present in the cathedral of Gallipoli ». Also in this case the attribution was proposed on the basis of precise stylistic, technical and set-up comparisons with other works by the author in question. It would be a work dating back to the fifteen years between 1640 and 1655, with dimensions of 348x238.
This last discovery is of particular interest because it would enrich the catalog of the paintings present inside the Mother Church with a prestigious name and because it would expand the range of action of Coppola who worked almost exclusively in Gallipoli, even if he was trained in Florence, where there are two of his works.
These are discoveries which, if confirmed, will enormously enrich the already conspicuous artistic heritage of the Church and, hopefully, will contribute to catalyzing the funds necessary for its restoration on the sacred building, also because the paintings in question, especially that of Coppola, are in definitely bad conditions.

from Lytos guestbook (message n ° 10-11 of 22.3.2004 - message, unfortunately, not signed)):

Let me observe that the Tiso canvases present in Casarano are even twenty: in particular 6 are in the Matrix, 5 in the chapel of San Pietro (unfortunately not open to the public) and 8 in the church of the Immaculate Conception. If we add to them that of the Crucifix, we get to 20. A nice number! But I want to be the devil's advocate. It would be necessary to deepen the study on this last finding because the stylistic form of the painting does not exactly correspond to the pictorial tendencies of Tiso. The painting is too static, too classic. Tiso preferred the movement of the figures accentuated above all by the folds and flourishes of cloaks and veils. Anyway, congratulations on the research you are doing in our beautiful city. About the two unpublished paintings present at the Immaculate Conception, they depict San Vito and San Francesco di Paola. In 1982, 5 oval-shaped paintings were stolen from that church, 3 of the 4 evangelists and two saints. Despite much research, nothing was known. Towards 1997 (or 1998) the Gdf found two paintings that were cut out of the original form and represented San Vito and San Francesco di Paola. It was said that surely they were the paintings stolen from the Immaculate Conception and were delivered to the Confraternity. But there is something wrong. When Aldo De Bernart wrote - Countries and figures of the old Salento - (1978), in listing the Tiso paintings present in Casarano, he did not notice these two. Why? Perhaps the paintings found do not belong to the Immaculate Conception. I leave it to you to solve the question. Thank you

It is all a question of sources.

We, in fact, for the numbering of the works of Tiso we based on the text of De Bernart and at this point it is also convenient. for global knowledge, make the list:

In the Parish Church (Matrice) we have:

The distribution of the loaves (almsgiving)


Index

  • 1 Physical geography
    • 1.1 Territory
    • 1.2 Climate
  • 2 Origins of the name
  • 3 History
    • 3.1 Gallipoli in the work of Pliny the Elder
    • 3.2 Oil trade
    • 3.3 Symbols
    • 3.4 Honors
  • 4 Monuments and places of interest
    • 4.1 Religious architectures
      • 4.1.1 Co-Cathedral Basilica of Sant'Agata
      • 4.1.2 Church of San Francesco di Paola
      • 4.1.3 Church of San Francesco d'Assisi
      • 4.1.4 Church of San Domenico al Rosario
      • 4.1.5 Church of the Most Holy Crucifix
      • 4.1.6 Chiesa di Santa Maria della Purità
      • 4.1.7 Chiesa di Santa Maria degli Angeli
      • 4.1.8 Santuario di Santa Maria del Canneto
      • 4.1.9 Chiesa del Carmine
      • 4.1.10 Chiesa Arciconfraternale della Santissima Trinità e delle Anime del Purgatorio
      • 4.1.11 Chiesa dei Santi Apostoli Pietro e Paolo
      • 4.1.12 Chiesa conventuale di Santa Teresa
      • 4.1.13 Chiesa dell'Immacolata Concezione
      • 4.1.14 Chiesetta di Santa Cristina
      • 4.1.15 Chiesa di San Pietro dei Samari
      • 4.1.16 Chiese soppresse da decreto vescovile
      • 4.1.17 Altre chiese
    • 4.2 Architetture civili
      • 4.2.1 Palazzo Pirelli
      • 4.2.2 Palazzo Assanti-Aragona
      • 4.2.3 Palazzo Specolizzi
      • 4.2.4 Episcopio
      • 4.2.5 Fondazione Fumarola
      • 4.2.6 Palazzo Tafuri
      • 4.2.7 Palazzo del seminario
      • 4.2.8 Palazzo D'Acugna
      • 4.2.9 Palazzo Pasca
      • 4.2.10 Palazzo Romito
      • 4.2.11 Palazzo Briganti
      • 4.2.12 Palazzo D'Ospina
      • 4.2.13 Palazzo Fontana
      • 4.2.14 Palazzo Vallebona
      • 4.2.15 Palazzo Munittola
      • 4.2.16 Palazzo Rocci (Municipio)
      • 4.2.17 Palazzo del Capitolo
      • 4.2.18 Altri edifici
      • 4.2.19 Fontana greca
    • 4.3 Architetture militari
      • 4.3.1 Castello aragonese
      • 4.3.2 Cinta muraria
      • 4.3.3 Torri costiere
    • 4.4 Borgo
  • 5 Società
    • 5.1 Evoluzione demografica
    • 5.2 Etnie e minoranze straniere
    • 5.3 Lingue e dialetti
    • 5.4 Religione
    • 5.5 Tradizioni e folclore
    • 5.6 Istituzioni, enti e associazioni
  • 6 Cultura
    • 6.1 Istruzione
      • 6.1.1 Biblioteche
      • 6.1.2 Scuole
      • 6.1.3 Musei
      • 6.1.4 Corte Gallo
    • 6.2 Media
      • 6.2.1 Stampa
      • 6.2.2 Televisione
    • 6.3 Cinema e teatri
    • 6.4 Cinema
    • 6.5 Musica
    • 6.6 Cucina
    • 6.7 Eventi
  • 7 Geografia antropica
    • 7.1 Urbanistica
    • 7.2 Divisione della città
    • 7.3 Frazioni
      • 7.3.1 Baia Verde
  • 8 Economia
  • 9 Infrastrutture e trasporti
    • 9.1 Strade
    • 9.2 Ferrovie
    • 9.3 Porti
    • 9.4 Mobilità urbana
  • 10 Amministrazione [49]
    • 10.1 Gemellaggi
  • 11 Sport
    • 11.1 Calcio
    • 11.2 Quidditch babbano
    • 11.3 Impianti sportivi
  • 12 Note
  • 13 Bibliografia
  • 14 Voci correlate
  • 15 Altri progetti
  • 16 Collegamenti esterni

Territorio Modifica

Il territorio del comune di Gallipoli, che occupa una superficie di 40,35 km², si affaccia sul mare Ionio con un litorale di circa 20 km. Il centro urbano, situato a 12 m s.l.m., è composto dalla città vecchia, posta su un'isola calcarea collegata alla terraferma con un ponte seicentesco, e dal borgo, che accoglie la parte più moderna della città. Il territorio confina a nord con il comuni di Galatone e di Sannicola, a est con i comuni di Alezio e Matino, a sud con il comune di Taviano e a ovest con il mare Ionio [10] . Il comune dista da Lecce 37 km. Nel comune di Gallipoli ricade il parco naturale regionale Isola di Sant'Andrea e litorale di Punta Pizzo istituito con legge regionale n. 20 del 10 luglio 2006 [11] . A sud della città sfocia il Canale dei Samari.

Clima Modifica

Dal punto di vista meteorologico Gallipoli rientra nel territorio del Salento meridionale che presenta un clima prettamente mediterraneo, con inverni miti ed estati caldo umide. In base alle medie di riferimento, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta attorno ai +9 °C, mentre quella del mese più caldo, agosto, si aggira sui +25,1 °C. Le precipitazioni medie annue, che si aggirano intorno ai 676 mm, presentano un minimo in primavera-estate e un picco in autunno-inverno.
Facendo riferimento alla ventosità, i comuni del basso Salento risentono debolmente delle correnti occidentali grazie alla protezione determinata dalle serre salentine che creano un sistema a scudo. Al contrario le correnti autunnali e invernali da Sud-Est, favoriscono in parte l'incremento delle precipitazioni, in questo periodo, rispetto al resto della penisola [12] .

Gallipoli [13] Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. media (°C) 13,413,815,218,322,326,929,930,227,222,818,715,414,218,629,022,921,2
T. media (°C) 10,510,712,315,118,723,125,926,323,619,615,812,711,315,425,119,717,9
T. min. media (°C) 7,77,79,311,815,119,221,922,420,016,412,99,98,412,121,216,414,5
Precipitazioni (mm) 806070402921142153961098322313956258676
Umidità relativa media (%) 79,078,978,677,875,771,168,470,275,479,380,880,479,477,469,978,576,3

Si ritiene che l'antico nome della città, in epoca messapica, fosse "Anxa" [senza fonte] , che significherebbe "villaggio che sorge in un luogo elevato dal mare". Anxa "la stretta", voce indoeuropea attestata da Plinio il Vecchio insieme a Callipolis, che indica il sito geografico piazzato all'istmo. Altri studiosi hanno ritenuto che Gallipoli fosse semplicemente uno scalo della messapica Alezio, mentre altri ancora consideravano attendibile la testimonianza di Plinio il Vecchio, riconducendo la stessa radice gal alla presenza sul territorio di Galli Senoni.
Contrariamente a quanto suggerito dal gonfalone cittadino su cui campeggia un gallo, la radice del nome Gallipoli non pare avere nulla a che vedere con l'animale. Gallipoli deriva invece dal greco classico Καλλίπολις (Kallípolis), che significa "bella città". [15]

La storia cittadina è molto fitta. In località Torre Sabea vi era un antico e importante villaggio neolitico del quale sono rimasti chiari segni archeologici, benché coperti da uno strato di sabbia. I dati faunistici e paleobotanici e il materiale archeologico compresi i segni di vegetazione commestibile (frumento, orzo, . ) o di focolari incisi sulla roccia, dimostrano che la comunità del villaggio apportava modifiche al suo habitat, in funzione dell'utilità che ne poteva trarre per il vivere più civile: colture dei terreni, pascoli di capro-ovini. Né la comunità si lasciava sfuggire lo scambio per via mare dell'ossidiana proveniente dalle isole Eolie. Lo stemma di Gallipoli si compone dell'immagine di un gallo con la corona e di una scritta che recita "fideliter excubat" (vigila fedelmente). La leggenda narra che il gallo avrebbe impresso con la propria immagine lo scudo di Idomeneo di Creta, l'eroe che si crede fondatore delle città di Lecce e di Gallipoli. [16]

Altri pensano che la città originaria sia stata la messapica Alezio, e che in quel tempo lo scoglio su cui è posta Gallipoli servisse da stazione per i pescatori, che edificarono qualche casetta senza ordine per ripararsi. In effetti tutte le città messapiche erano collegate tramite tracciati stradali ai loro approdi portuali: Alezio era collegata a Gallipoli, Ugento a Torre San Giovanni, Nardò a Santa Maria al Bagno a cui forse era collegata la stessa Manduria. In seguito alla distruzione di Alezio, con l'accrescere della popolazione e degli artigiani, Gallipoli divenne una città. La tortuosità delle strade del centro storico sembra confermare questa teoria [17] . L'impianto urbanistico della città vecchia è dovuto anche a motivi militari e climatici (la tortuosità delle strade è un'ottima difesa contro le truppe nemiche e i venti dominanti) inoltre si è sfruttato ogni centimetro quadrato disponibile pur di poter edificare entro la cinta muraria infatti nel centro storico non esistono vere e proprie piazze ma al più qualche slargo. Si possono vedere ancora oggi gli antichi cardo e decumano il cui congiungimento si ha proprio nell'attuale piazza duomo situata dove è presente la grande cattedrale barocca dedicata a Sant'Agata, l'area corrisponde alla parte più alta della città, dove anticamente sorgeva l'agorà cittadina.

Altre fonti attribuiscono le origini della città ad altri eventi. Plinio il Vecchio, ad esempio, induce a dedurre che i Galli Senoni si siano insediati nel territorio [18] più credibile pare quella attribuita ai Messapi: è comunque certo che Gallipoli fece parte della Magna Grecia controllando un vasto territorio da Porto Cesareo fino al Capo di Leuca. [19]

Si ritiene che il fondatore di Gallipoli sia il cretese Idomeneo essendovi sbarcato nel 1150 a.C. con la sua nave. Nel 1593, durante la ricostruzione delle mura occidentali fu ritrovata una stele marmorea con caratteri greci dove si diceva che Idomeneo aveva scelto come stemma il gallo coronato, dipinto sul suo scudo. Inizialmente il nome era "Graxa" che i messapi chiamavano "Anxa". Il nome "Graxa" è indicato sulla Mappa di Soleto e sulle monete coniate a Gallipoli in epoca greca.

Ricostruita qualche secolo più tardi, nell'VIII secolo a.C., dallo spartano Leucippo, adottò il nome di "Kallipolis" (città bella).

Nel 265 a.C. a fianco di Taranto e di Pirro, si scontrò con Roma subendo una sconfitta che la relegò a colonia romana fino a diventare municipio. Importante avamposto romano dopo la sua conquista nel 265 a.C. fu, per la sua posizione strategica sullo Ionio, luogo di stanziamento della XII Legione, con anche la costruzione di una fortezza sul luogo dove sorge l'attuale castello. A Gallipoli si ebbe il commercio della porpora grazie ai suoi fondali molto pescosi, attestato dalla presenza sull'Isola di Sant'Andrea dei resti di un edificio eretto appositamente per questa pratica. Nel museo diocesano sono presenti due grandi epigrafi tombali di epoca romana e una di queste si riferisce a Giulio Laio comandante della XII legione. Di epoca greco-romana sono le terme andate distrutte durante le invasioni barbariche nella prima metà del V secolo che sorgevano nel luogo chiamato "Funtaneddhe" anticamente conosciuto anche come "Corciri".

Alla caduta dell'Impero romano fu quasi certamente saccheggiata dai Vandali e dai Goti per poi essere posta sotto il dominio Ostrogoto fino al 538, quando fuo conquistata dai Bizantini. Ricostruita dai Bizantini, Gallipoli conobbe un periodo di floridezza sociale e commerciale, sfruttando la sua posizione geografica. Durante il Medioevo appartenne alla Chiesa di Roma e fu teatro di durissimi scontri con il monachesimo greco, il cui ricordo si conserva ancora nell'Abbazia di San Mauro, i cui ruderi sono visibili sulla serra che da est guarda alla città.

Dopo numerose incursioni sempre respinte, gli Arabi la espugnarono nel 915 e qui rimasero fino al 945. Riconquistata dai Bizantini, furono tolte via tutte le tracce della precedente occupazione e in questi anni si ha la prima grande opera di ristrutturazione e rafforzamento del Castello.

Nel 1055 subì dapprima un attacco e poi un assedio dall'esercito di Roberto il Guiscardo che però dovette ritirarsi sconfitto nel 1056. Nel 1132, dopo un anno di assedio, fu occupata dai Normanni, i quali incisero questo anno sull'architrave del castello che è visibile ancora oggi.

Verso la fine del XII secolo il Regno di Napoli passò dagli Svevi agli Angioini, ma a causa del malgoverno di questi ultimi scoppiarono ribellioni in tutto il Regno e lo stesso Corradino di Svevia cercò di riprendere il comando. Corradino venne però imprigionato e decapitato e 33 baroni alleati dello svevo si rifugiarono a Gallipoli, scoperto il loro nascondiglio, Carlo d'Angiò decise di mettere sotto assedio la città nel 1265 e finalmente espugnata, i 33 baroni furono impiccati nel cortile del castello gallipolino. Per vendicarsi del torto subito, Carlo fece distruggere la città e i suoi abitanti si rifugiarono nei paesi vicini. Dopo vari anni, con l'incoronazione nel 1309 di Roberto d'Angiò (nipote di Carlo) si diede inizio alla ricostruzione della città ed egli stesso assistette ai lavori, avendo soggiornato a Gallipoli nella Corte dei Regi, nel convento della Chiesa di San Francesco di Paola. Roberto fece ritorno il 25 settembre 1327, fece visita al governatore Simonetto De Brasia e con un decreto regio dello stesso giorno diede il via libera ai gallipolini di costruire la prima tonnara.

Il 16 maggio 1484 apparve al largo della rada di Gallipoli una flotta di 70 navi da guerra venete. Dopo il rifiuto di una resa senza combattere e giurata la fedeltà al Re di Napoli, sbarcarono 7000 soldati che iniziarono a schierarsi dall'altra parte del ponte, ma il castellano impedì loro di accamparsi tenendoli lontani dalla città e dal castello per tutta la mattinata. Tuttavia durante la notte l'esercito veneto finì l'accampamento e all'alba del 17 iniziarono i combattimenti nei quali fu ucciso con un colpo di bombarda il generale della Repubblica di Venezia Jacopo Marcello. Rimasti senza un comandante, i veneziani furono sul punto di abbandonare il campo di battaglia, ma Domenico Malipiero, prese il controllo della situazione guidando il secondo assalto il giorno dopo, nel quale abbatterono il Bastione di San Luca fermati però dopo un accanito combattimento con i gallipolini. Scoperti i soldati e gli aiuti militari inviati durante la notte da Nardò e Lecce, la mattina del 19 riprese l'assalto alla città e dopo 8 ore di combattimento la città fu espugnata con una strage di gente comune, fermata però dallo stesso Malipiero. In seguito alla Pace di Bagnolo, Gallipoli ritornò agli Angioini dopo pochi mesi. (Pietro Curneo, De bello ferrariensi commentarius etc. In L. A. Muratori, Rerum italicarum scriptores etc. C. 1.217, t. 21. Milano, 1732).

Nel 1495 durante la guerra tra Carlo VII e Federico d'Aragona, nei pressi di Bari, la moglie di Federico, Isabella di Castiglia, si rifugiò a Gallipoli per volere di suo marito. Il 4 aprile Isabella fu accolta a braccia aperte, ricompensando una volta diventata regina, Gallipoli e i suoi abitanti con privilegi e concessioni. In una lettera inviata al comune di Gallipoli definì i gallipolini "Magnifices et nobiles viri nostri dilectissimi".

Nel 1501 con la spedizione nel Regno di Napoli di Ferdinando il Cattolico contro Federico d'Aragona, Gallipoli subì l'assedio del Gran Capitano Gonzalo Fernandez De Cordoba. Quando la vittoria era ormai in mano a Gallipoli, Taranto si arrese e il castellano Sancio Rocci vedendo totalmente precaria la possibilità di un'altra resistenza in caso di altri eventuali assalti dato che il castello era quasi rimasto senza munizioni, si arrese al Gran Capitano. Quando i francesi ritornarono in Terra d'Otranto per riconquistare Gallipoli nel 1523, furono sconfitti e inseguiti dai gallipolini, per essere poi definitivamente battuti nel luogo anticamente chiamato Pergolàci e lì fu costruita la chiesa di Santa Maria della Vittoria. Con questi ultimi entrò a far parte del Regno di Napoli. Ferdinando I di Borbone avviò la costruzione del porto che divenne nel Settecento la più importante piattaforma olearia del Mediterraneo per il commercio dell'olio lampante. Nel 1544 una nave turca a causa del maltempo improvviso trovato al largo durante la notte, si incagliò sull'isola di Sant'Andrea. Accampatisi sul punto dove ora sorge il faro, schiavi e soldati aspettavano il soccorso delle altre navi che avrebbero dovuto prelevarli. La mattina successiva i gallipolini spaventati da tutti quei nemici, si armarono e chiesero il permesso al castellano di poterli attaccare. Ottenuto l'assenso, sbarcarono ben 200 gallipolini compreso il figlio del castellano, Cesare de Azzia. In un accanito scontro ancora senza vincitori, il gallipolino Francesco Valdeverano con un colpo di cannone fece saltare via il vessillo turco tenuto in mano da un nemico. Dunque i turchi e gli schiavi furono catturati ed inviati a Napoli, ricevendo in cambio dal Viceré il permesso di prendere tutte le merci su quella nave. (Bartolomeo Ravenna, Memorie Istoriche della città di Gallipoli).

Il 10 febbraio 1799 si scatenò una rivolta popolare capitanata dal portolano Antonio McDonald contro il governo liberale dei francesi. Furono assaliti e saccheggiati i palazzi nobiliari di Gallipoli, e i proprietari di questi ultimi vennero imprigionati nelle carceri segrete del castello dove molti di loro morirono poco dopo.

Nell'agosto del 1809 Gallipoli subì il blocco navale della marina militare inglese, poiché la città era schierata con Napoleone. L'assedio sfociò in guerra quando il 24 e il 25 di agosto gli inglesi iniziarono a cannoneggiare le mura ed il castello. In questi due giorni vennero sparati dalle navi inglesi ben 700 colpi di cannone, senza però riuscire a conquistare la città.

Il distretto di Gallipoli fu una delle suddivisioni amministrative del Regno delle Due Sicilie, subordinate alla provincia di Terra d'Otranto, soppressa nel 1860 con l'annessione al Regno di Sardegna. Fu costituito con la legge 132 del 1806 "sulla divisione ed amministrazione delle province del Regno", varata l'8 agosto di quell'anno da Giuseppe Bonaparte.

Il distretto era suddiviso in successivi livelli amministrativi gerarchicamente dipendenti dal precedente. [20] . Al livello immediatamente successivo, infatti, individuiamo i circondari, che, a loro volta, erano costituiti dai comuni, l'unità di base della struttura politico-amministrativa dello Stato moderno. A questi ultimi potevano far capo i villaggi, centri a carattere prevalentemente rurale. I circondari del distretto di Gallipoli ammontavano a tredici: Gallipoli, Parabita, Casarano, Alessano, Gagliano, Presicce, Tricase, Ruffano, Ugento, Poggiardo, Maglie, Nardò, Galatone.

Gallipoli nell'opera di Plinio il Vecchio Modifica

Lo storico gallipolino ed umanista Stefano Catalano in una lettera rivolta al filosofo Giovan Battista Crispo, ammette di provare un certo imbarazzo leggendo il testo di Plinio il Vecchio.

«…in ora vero Senonum, Callipolis, quae nunc est Anxa…»

L'interpretazione di questa citazione è stata oggetto di numerosi studi: Giovanni Arduino vuole che si legga in ora senum Callipolis, poiché i Senoni giunsero a Roma e difficilmente nella zona meridionale d'Italia. Assunsero atteggiamento analogo altri storici come Antonio de Ferrariis, Filippo Cluverio. Nell'opera di Bartolomeo Ravenna Memorie istoriche della città di Gallipoli, si parla di un anonimo milanese il quale preferisce leggere la proposizione pliniana come in ora sinus Callipolis a differenza di Cluverio in ora Salentinorum Callipolis, ossia Gallipoli nel golfo dei Salentini. Molto probabilmente quel senonum presente nella Naturalis historia è stato un errore dei copisti o una abbreviazione dello scrittore stesso per indicare il Salento. Vi furono però storici come Polibio, che appoggiarono la tesi di Plinio ammettendo che veramente i Senoni approdarono alle spiagge di Gallipoli. Appiano di Alessandria scrisse che la perla dello ionio era in passato abitata dai greci e dai Galli senoni, una popolazione celtica.

Commercio dell'olio Modifica

Il commercio di olio a Gallipoli è molto antico, poiché risale al III-II secolo a.C. sotto la dominazione romana. Proprio per questo motivo furono costruite in Salento la Via Sallentina e la Via Traiana quest'ultima terminante a Gallipoli.

Della quantità di olio prodotto ed esportato si hanno poche e vaghe notizie, si sa solo che nel 1347 l'Arte della lana di Firenze si servì di ben 200 tonnellate di olio proveniente dai porti pugliesi.

La prima grande spinta per l'olio gallipolino si ha nel XVI secolo, ove si registrò un aumento vertiginoso delle domande e degli approdi di navi estere per il caricamento dell'olio. Tanta era la mole di questo commercio che il 18 aprile 1581 Papa Gregorio XIII con una Bolla papale dava l'assoluzione a tutti coloro che impegnati nel caricamento dell'olio non avevano santificato la domenica e tale bolla fu confermata il 28 febbraio 1590 da papa Sisto V [21] .

Nel 1594 Gallipoli mise la tassa di un grano per ogni staio d'olio caricato sulle navi, poiché si dovevano rifare continuamente le mura e tutte le vie di accesso alla città danneggiate per il continuo trasporto di merci [21] .

Per soddisfare tutte le richieste provenienti da ogni parte d'Europa, nel sottosuolo del centro storico di Gallipoli vennero costruiti ben 35 frantoi e circa 2.000 cisterne per la raccolta dell'olio [21] .

Nel 1668 in 15 giorni furono imbarcati 22.000 quintali di olio, l'8 Dicembre si imbarcarono 12.090 quintali e il 14 Dicembre ben 39.700 quintali [21] .

Nel '700 l'esportazione olearia era alle stelle, e molte case commerciali straniere trovarono sede proprio a Gallipoli. Nel 1718 le navi sostanti nel porto di gallipoli in un solo giorno erano 30 e nel 1791 si arrivò a 70 [21] .

La città di Gallipoli era alla stessa importanza di Napoli, Roma, Parigi, Londra e altre grandi città europee, mentre invece il porto era al primo posto della classifica dei più importanti e trafficati porti europei [21] .

In una statistica riflettente l'esportazione di olio dai porti pugliesi si ha:

Gallipoli con 128.140.139 tonnellate

Taranto con 570.470 tonnellate

Brindisi con 304.174 tonnellate

Otranto con 100.259 tonnellate

Questo perché l'olio lampante gallipolino era il migliore presente sul mercato di tutta l'Europa e con esso vennero illuminate le grandi città e capitali europee [21] . Il 29 febbraio 1741 ad un solo mese di distanza da Napoli, Gallipoli ebbe il «Consolato di mare». In cambio del prezioso prodotto Venezia, Francia, Spagna, Inghilterra, Danimarca, Impero Ottomano, Austria, Russia, Prussia, Svezia e Norvegia, Malta, Paesi Bassi, Stato della Chiesa e Stati Uniti d'America riversavano nel porto di Gallipoli ogni genere di merci come per esempio spezie, seta e pietre preziose. Dei paesi sopra citati, ebbero sede i loro vice consolati fino al 1923. Nel porto di Amburgo in soli sei anni (1783-1789) giunsero 2.349.000 litri di olio. Con l'olio gallipolino veniva prodotto il Sapone di Marsiglia e delle 31.000 tonnellate di olio prodotte dal 1851 al 1895, 17.000 vennero impiegate nelle fabbriche londinesi [21] .

I traffici diminuirono verso la fine del XIX secolo, quando si iniziò ad usare il petrolio e l'energia elettrica.

Simboli Modifica

«Lo stemma raffigura un gallo coronato che reca tra le zampe un cartiglio con la scritta latina "FIDELITER EXCUBAT" »

Descrizione del gonfalone:

«Il Gonfalone è costituito da un drappo perimetrato di azzurro, che porta in alto la scritta dorata CITTÀ DI GALLIPOLI al centro, in campo rosso, vi è una corona a cinque torri, sotto la quale si trova lo scudo azzurro, al cui interno è riprodotto lo stemma civico. Lo scudo è incorniciato a sinistra da una fronda di alloro e a destra da una fronda di quercia con sottesa una lista bifida dorata.»

Lo stemma gallipolino ha origine dal gallo dipinto sullo scudo di Idomeneo di Creta che dopo la guerra di Troia fondò la città nel 1150 a.C. La più antica rappresentazione del motto cittadino è contenuta in un atlante edito a Colonia da Braun e Hogemberg nel 1572 su disegno del gallipolino Giovanbattista Crispo. Oltre al disegno della città con tutte le sue fortificazioni e il territorio circostante, abbiamo lo stemma con il gallo coronato, recante la scritta latina: "NEC ANIMUS FATO MINOR" (L'animo non è minore del destino). Nel '700 il gallo appare d'oro con il motto attuale "FIDELITER EXCUBAT" (Fedelmente sorveglia). D'oro è anche sulla pergamena donata alla città dal comandante del piroscafo "Gallipoli" il 7 gennaio 1899.

Onorificenze Modifica

A Gallipoli, nel XVII secolo, si ebbe una variante del barocco leccese con peculiarità originali, il barocco a Gallipoli. Di tale periodo restano a testimonianza numerosi edifici religiosi e civili. Caratteri fondamentali di questo stile sono le decorazioni floreali e angeliche esagerate, stravaganti ed eccessive.

La città è stata inserita nella "Tentative Lists" dell'Unesco in attesa di eventuale riconoscimento come Patrimonio dell'Umanità. [23]


27 e 28 ottobre presso la Casa della Cooperazione

TUTTI SIAMO NAZRA
The Nazra Palestine Short Film Festival it's a Premio ed il primo festival italiano itinerante del cortometraggio palestinese e sulla Palestina, presentato alla 75ma Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia che l’ONG CISS/Cooperazione Internazionale Sud-Sud, tra i co-organizzatori del Festival, ospiterà a Palermo il 27 e il 28 ottobre presso lo spazio culturale “La Casa della Cooperazione” in via Ponte di Mare 47/49.
Il NAZRA (in arabo “sguardo”) ha l’obiettivo non solo di promuovere le eccellenze artistiche e cinematografiche di giovani autori e autrici, palestinesi ed internazionali, che usano il linguaggio del cortometraggio per trattare temi quali la libertà, la giustizia e i diritti umani nel delicato contesto israelo-palestinese e di favorire la discussione sull’informazione, la comunicazione audiovisiva, l’arte cinematografica come strumento di dialogo e scambio di saperi.
Anche per questo, nell’ottica di fare incontrare i diversi linguaggi del video e della fotografia, abbiamo deciso di inserire a Palermo il Festival nella cornice più ampia di iniziative e dibattiti organizzati dal CISS dal titolo “Sguardi sulle Resistenze”, che vedrà prima del Festival, il 26 ottobre la presentazione del libro del fotoreporter Valerio Nicolosi “Resistenze” (link a evento per maggiori info: Resistenze).
Il Nazra Palestine Short Film Festival
64 film in concorso, 18 opere finaliste, 3 vincitori, 15 tappe italiane tra cui Palermo, un festival itinerante partito da Venezia, per proseguire a Trento, Torino, Siena, Roma, Napoli, Bari, Palermo, Catania, Alghero, Padova, Milano, Brescia, Bologna e L’Aquila e poi tornare in Palestina, dove sarà ospitato a Gerusalemme, Ramallah e Gaza City (Striscia di Gaza). Promosso dalle organizzazioni Restiamo Umani con Vik – (Venezia), École Cinéma – (Napoli) e Centro Italiano di Scambi Culturali-VIK – (Striscia di Gaza – Palestina).
Tanti i punti di vista che si incrociano nei 18 cortometraggi finalisti, organizzati in 3 diverse categorie: Fiction, Documentari e Film Sperimentali.
I tre registi vincitori, premiati nella prima tappa a Venezia, sono stati selezionati da una Giuria internazionale di attori, registi ed esperti composta da Valerio Mastandrea, Alessandro Tiberi, Maria Cuffaro, Paola Caridi, Sahera Dirbas, Amer Shomali, Wasim Dahmash, Dina Naser, Fatena Al-Ghorra e Monica Maurer.
Oltre ai vincitori delle tre categorie, a Venezia sono state attribuite 2 menzioni speciali Gender Look, per il miglior film che affronta tematiche di genere e il premio “Vittorio Arrigoni”, reso possibile grazie alla collaborazione tra NAZRA e la Fondazione Vittorio Arrigoni Vik Utopia Onlus il cui presidente è Egidia Beretta.

La tappa palermitana vede la collaborazione della Rete palermitana “Con la Palestina nel cuore”and the patrocinio del Comune di Palermo

Di seguito il programma.
Festival website:https://nazrashortfilmfestival.com/

PROGRAMMA
Nazra Palestine Short Film Festival

27 OTTOBRE ORE 19.00 | Casa della Cooperazione | Proiezioni e dibattiti
Introducono le proiezioni:
Sergio Cipolla, Presidente del CISS
Andrea Cusumano, Assessore alla Cultura Comune di Palermo
Paola Caridi, giornalista, scrittrice e membro della giuria del Nazra Film Festival
Valerio Nicolosi, fotoreporter
Fateh Hamdan is Adham Darawsha, membri della comunità palestinese di Palermo

PROIEZIONI:
 Vincitore della sessione FICTION:
Bonboné of Rakan Mayasi (2017 Palestine-Lebanon) – durata 15’15”
 Vincitore della sessione DOCUMENTARY:
The foreigner of Natalie Jubeh (2017 Palestine) – durata 15′ 57″
 Vincitore della sessione EXPERIMENTAL and OTHER:
Memory of the Land of Samira Badran (2017 Palestine-Spain) – durata 16’09”

E poi ancora proiezioni di:
The Parrot of Darin J. Sallam & Amjad Al-Rasheed (2016 Jordan-Germany) sessione FICTION – durata 18′
Salam of Claire Fowler (2018 USA-UK) sessione FICTION – durata 14′

28 OTTOBRE ORE 18.00 | Casa della Cooperazione | Proiezioni
Nazra Palestine Short Film Festival

PROIEZIONI DI:
 PREMIO VIK: La piscina di Gaza of Luca Galassi (2016 Italy, Palestine) – durata 05’15”
 MENZIONE Gender LOOK: Disobedience of Haneen Odetalla (2017 Palestine) – durata 05’40”
E poi ancora proiezioni di:
Farawla (Strawberry) of Aida Kaadan (2017 Palestine) sessione FICTION – durata 16’30”
Gaza of C. Bover Martinez & J.Pérez del Campo (2017 Spain) sessione Documentary – durata 18’28”
In the land of Oranges, di Nadir Mauge (2015 Palestine) sessione Documentary – durata 15′
From Beneath the Earth of Sami Alalul (2017 Palestine) sessione Documentary – durata 21’38”

ORE 20.00 | Casa della Cooperazione | INCONTRO: Boxe contro l’assedio – Il ritorno
Negli anni il CISS ha realizzato, in particolare a Gaza, missioni in collaborazione con tante e diverse realtà, trainers e professionisti sull’uso di arti circensi, ludoterapia, yoga, clownterapia per il rafforzamento dei meccanismi di protezione e di risposta a eventi traumatici soprattutto per giovani e bambini. Quest’estate abbiamo costruito una nuova sperimentazione, pensando allo sport e in particolare alla boxe come strumento di riscatto sociale, di libertà e di benessere psicofisico. L’idea si è trasformata in realtà e a settembre, quando un viaggio in Palestina ha inaugurato le attività promosse da quello che è diventato il progetto “Boxe contro l’Assedio” – realizzato in collaborazione con la Palestra Popolare di Palermo e completamente autofinanziato – che ha coinvolto palestre e pugili di Gaza e Ramallah nella costruzione di momenti di formazione che si sono rivelati concrete azioni di supporto per i giovani palestinesi.
Valentina Venditti of the CISS, Giancarlo Bentivegna, Michela Punturo is Verdiana Mineo della Palestra Popolare di Palermo, raccontano attraverso testimonianze dirette e scatti d’autore, storie, sogni, speranze e nuove azioni legate al progetto.
Collegamento con Nader Jayyousi della palestra El Barrio di Ramallah is Ali Abd Elshafi, vice presidente della Federazione di boxe a Gaza.
Proiezione di “Un pugno all’occupazione”, di Valerio Nicolosi e Daniele Napolitano.

ORE 21.00: Apericena di autofinanziamento (su prenotazione)

Per informazioni e contatti:
CISS
referenti: Valentina Venditti, Pasqua de Candia – Tel. 091 6262694 – [email protected]
Casa della Cooperazione
referente: Valeria Ferrante – Tel. 091 6175791

EVENTO FACEBOOK

Dopo Palermo il Nazra approderà con i suoi cortometraggi a Catania il 30 e 31 ottobre e al Freedom Theater of Jenin (Palestina) il 30 e 31 ottobre e 1 novembre.


Video: Studio Visit with Artist Sarah Sze. Christies


Comments:

  1. Zebulun

    The very excellent idea

  2. Ardwolf

    He's absolutely not right

  3. Macon

    In my opinion, you admit the mistake. I offer to discuss it. Write to me in PM, we will handle it.

  4. Wafiq

    Great

  5. Zaki

    It seems to me that it has already been discussed.



Write a message